fbpx

Centralino: 081 79 63 125

Campania Green, al via i finanziamenti per reti fognarie e depuratori

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Nella sede EIC in Via De Gasperi firmate le prime convenzioni relative all’Accordo di Programma per la realizzazione di interventi di miglioramento del Servizio Idrico Integrato in Campania. Il Presidente Luca Mascolo: «Lavoriamo senza sosta per garantire ai cittadini un ambiente più sano e un mare pulito»

Sono state firmate oggi mercoledì 27 gennaio le prime convenzioni per la gestione del finanziamento relativo all’Accordo di Programma per la realizzazione di interventi di miglioramento del Servizio Idrico Integrato sottoscritto tra Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Mare e del Territorio, Commissario Straordinario Unico per la Depurazione, Regione Campania ed Ente Idrico Campano.

Il Presidente dell’Ente Idrico Campano Luca Mascolo firma la convenzione

   I sindaci dei comuni, gli enti individuati dal Comitato Esecutivo  come i soggetti attuatori dei progetti, sono stati accolti dal Presidente Luca Mascolo e dal Direttore Generale Vincenzo Belgiorno nella sede istituzionale dell’Ente in Via De Gasperi per siglare le convenzioni che disciplinano le risorse assegnate allo scopo di realizzare o completare numerose infrastrutture nel settore fognario e depurativo.

   I primi a sottoscrivere il documento sono stati i sindaci di Caivano, Procida, Mignano Monte Lungo, Casalbuono, Sanza, Castel San Lorenzo, Gioia Sannitica, Vallata, Venticano, Limatola, San Marco dei Cavoti, Solopaca per un valore complessivo che ammonta, per i relativi  interventi, a un totale di circa 50 milioni di euro.

   «Stiamo lavorando senza sosta per realizzare la tanto auspicata svolta green per la Campania» dice il Presidente dell’Ente Idrico Campano Luca Mascolo. «Da questo punto di vista quella di oggi è stata un’altra importantissima tappa nel difficile percorso intrapreso per garantire ai cittadini la possibilità di usufruire finalmente di impianti depurativi e fognari adeguati restituendo alle future generazioni un ambiente più sano e un mare più pulito».