fbpx

Centralino: 081 79 63 125

Affidamento servizio idrico integrato, c’è l’ok per il Distretto Caserta

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La delibera di ratifica delle proposte del Consiglio di Distretto è stata approvata dal Comitato Esecutivo dell’Ente Idrico Campano nella seduta di mercoledì 26 ottobre. La forma di gestione del SII individuata sarà interamente pubblica e sarà affidata all’azienda Idrico Terra di Lavoro 

L’azienda Idrico Terra di Lavoro avrà un affidamento del servizio idrico integrato conforme alla norma e gestirà il servizio nei comuni che fanno parte del Distretto Caserta. Il provvedimento è stato adottato dal Comitato Esecutivo dell’Ente presieduto da Luca Mascolo nel corso della seduta del 26 ottobre. L’assise ha inoltre individuato la forma di gestione che, su indicazione del Consiglio di Distretto, sarà interamente pubblica ed infine ha licenziato il Preliminare di Piano d’Ambito di Distretto. Costituito dal programma degli interventi, dal modello gestionale e dal piano economico-finanziario, questo strumento rappresenta la base sulla quale pianificare lo sviluppo ed il potenziamento del servizio idrico integrato in questo Distretto.

   ITL S.p.a. gestirà il servizio fino al 31 dicembre 2027 con la possibilità, prevista dalla norma, di un’ulteriore proroga per un massimo di 30 anni. Un atto formale che avrà ripercussioni concrete sul futuro degli asset strategici del territorio concedendo la possibilità all’azienda di partecipare ai bandi di finanziamento per ottenere risorse di vario genere, comprese quelle messe a disposizione dal PNRR, oltre a quelle previste dalla tariffa. 

   Nella stessa seduta il parlamentino guidato da Luca Mascolo, nell’ambito dell’avviso pubblico del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, ha già deliberato la trasmissione al Ministero (insieme a quelli di altri 6 gestori del SII in Campania) del progetto presentato da ITL che prevede interventi di digitalizzazione e distrettualizzazione delle reti di distribuzione dell’ambito distrettuale di Caserta per il controllo ottimale ed implementazione delle azioni finalizzate alla riduzione delle perdite idriche di altrettanti gestori del Servizio Idrico Integrato per un importo di quasi 50 milioni di euro da finanziare con risorse a valere sul PNRR.

    «L’affidamento della gestione del Servizio Idrico Integrato nel Distretto di Caserta rappresenta un’altra tappa nel complesso percorso di costruzione di un servizio moderno ed efficiente in Campania» ha detto il Presidente Luca Mascolo che poi ha aggiunto: «Ringrazio il Coordinatore del Distretto Anacleto Colombiano e tutti i membri del Consiglio per il grande lavoro svolto in tempi così ristretti. L’azienda ha adesso le carte in regola per gestire il servizio idrico integrato nel Distretto Caserta in chiave più moderna, efficiente, economico e sostenibile, grazie alla possibilità, frutto di questo passaggio formale, di accedere alle diverse tipologie di finanziamenti per realizzare gli interventi necessari a migliorarne l’efficienza. In questi anni non abbiamo mai fatto mancare il sostegno ai sindaci impegnati insieme a noi a realizzare quella che è una vera e propria rivoluzione. Mi rivolgo a quelli che amministrano i comuni ricadenti nel Distretto Caserta: a loro chiedo il massimo impegno per costruire un’azienda modello che sappia operare in maniera efficace per restituire ai cittadini un servizio migliore e risposte puntuali ad ogni loro esigenza. È un’occasione unica che non va sprecata».